Sul muro di un palcoscenico una mano anonima ha scritto 'qui si dicono per gioco le cose serie'

Popular Libr@ry of the Show/Bibliothèque Populaire du Spectacle/Bibliotec@ Popular del Espectáculo/Populäre Bibliothek des Schauspiels/Народная библиотека театрального представления/Bibliotec@ Popular do Espetaculo

Divini e Maestri - M

Divini e Maestri (M)

I video/filmati, salvo indicazione diversa, sono presentati in italiano


Marcel MARCEAU  Mimo  [Profilo] [Sito Marceau]
'CAFE IN PARIS'  Rif. www.youtube.com/watch?v=r4LEKqLiYH4
Altri video
  1. 'La fuerza del Silencio' 1989 - Video realizado en una visita que hiciera el Mimo Marceau a Chile (francese/spagnolo)
Informazioni da Archivio LePera


 
Giovanna MARINI  Ricercatrice/Musicista  [Profilo] [Sito Marini]

'LAMENTO PER LA MORTE DI PASOLINI'  Rif.http://www.youtube.com/watch?v=BiRy5b3c4ks
Altri video
  1. 'Giovanna Marini e il coro del Testaccio' 2008  Giovanna Marini, la più grande folk-singer italiana, ha tenuto a Genova il concerto "Quando le voci s'incontrano - canti popolari tratti dalla tradizione orale, dai cantastorie ai poeti a braccio" con il Coro Allievi del "Corso sui modi del canto contadino" della Scuola popolare di musica del Testaccio. Da più di trent'anni, in qualità di fondatrice della scuola, la musicista, compositrice Giovanna Marini ricostruisce e rinnova la tradizione dei canti, sempre alla ricerca di melodie, parole, tecniche antiche, storie di un patrimonio comune.  Il concerto è il frutto sia di questa ricerca, sia della sua altrettanto trentennale esperienza di insegnamento e del suo rapporto con la Scuola Popolare di Musica di Testaccio (Roma).

 

Mario MARTONE  Regista teatrale e cinematografico  [Profilo] 
'OPERETTE MORALI'  2011  Rif. www.youtube.com/watch?v=xfh49tsNiL4
Altri video
  1. 'Morte di un matematico napoletano' 1992 - regia Mario Martone sceneggiatura Mario Martone - Fabrizia Ramondino fotografia Luca Bigazzi montaggio Jacopo Quadri musiche Michele Campanella interpreti: Carlo Cecchi, Anna Bonaiuto, Toni Servillo, Renato Carpentieri, Licia Maglietta, Roberto De Francesco, Toni Bertorelli, Antonino Iuorio, Patrizio Rispo, Vincenzo Salemme, Nicola Di Pinto, Sergio Solli, Antonio Neiwiller, Enzo Moscato, Beniamino Femiano (film - alla fine del video i link alle altre 10 parti) - Frutto dell'intreccio culturale e umano nato intorno all'esperienza dei Teatri Uniti di Napoli, la pellicola offre una rappresentazione di una Napoli crepuscolare (grazie anche al direttore della fotografia Luca Bigazzi), ripercorrendo la vicenda biografica del matematico napoletano Renato Caccioppoli. Trama: Napoli. Il professore Renato Caccioppoli, docente universitario di matematica pura, è un uomo disilluso e tormentato che vive gli ultimi giorni della sua vita. Nipote di Bakunin per parte di madre e reduce dall'ospedale psichiatrico, abbandonato dalla moglie, e divenuto estraneo ai suoi stessi compagni di partito del PCI e ai suoi collaboratori all'Ateneo, vive la sua vita con disincantato distacco fino al suo ultimo atto, il suicidio.
  2. 'L'amore molesto1995 - regia Mario Martone soggetto Elena Ferrante (romanzo) sceneggiatura Mario Martone, Elena Ferrante fotografia Luca Bigazzi montaggio Jacopo Quadri effetti speciali Paolo Ricci musiche Steve Lacy, Alfred Shnitke scenografia Maria Izzo interpreti: Anna Bonaiuto, Angela Luce, Gianni Cajafa, Peppe Lanzetta, Licia Maglietta, Anna Calato, Italo Celoro, Carmela Pecoraro, Giovanni Viglietti, Lina Polito, Enzo De Caro, Francesco Paolantoni, Beniamino Femiano (film) - Trama: Delia, una illustratrice napoletana trapiantata da lunghi anni a Bologna, viene richiamata a Napoli dalla morte improvvisa della madre, suicidatasi per annegamento. La donna non presta credito alla tesi ufficiale del suicidio, convinta che la esuberanza, la vivacità e la positività esistenziale che della madre ricorda assai bene, mai l'avrebbero spinta ad un gesto così definitivo e categorico. Inizia pertanto ad indagare il passato recente della donna, sospinta anche da alcune inquietanti telefonate che riceve da un interlocutore sconosciuto. I fatti e la ricostruzione frammentaria degli ultimi giorni di vita della madre portano improvvisamente alla luce avvenimenti remoti che Delia aveva occultato e sepolto nella propria memoria e la costringono a riconsiderare una realtà personale diversa da quanto aveva inconsciamente costruito. Delia deve ricordare e rivivere il momento in cui, condizionata dall'atteggiamento paterno violento ed opprimente, rompe i rapporti con la madre, accusata dal coniuge di una relazione clandestina con un individuo misterioso. Ma Delia non è pronta a scoprire la verità su sua madre e quindi su se stessa e proprio nel momento in cui il mistero intorno agli ultimi giorni che precedono lo strano suicidio sta per sciogliersi, ella decide di far ritorno a Bologna, allontanandosi per sempre da un passato doloroso e dalla verità che esso nasconde.
  3. 'La Salita1997 regia Mario Martone con: Toni Servillo, Anna Bonaiuto - dal film 'I Vesuviani') Ispirato chiaramente al sindaco di Napoli Antonio Bassolino. nell'episodio ci sono riferimenti ai problemi della città e alle speranze di rinascimento, all'eretica del PCI Francesca Spada, al corvo di Pasolini di Uccellacci e Uccellini (Wikipedia/I vesuviani)
  4. 'Torvaldo e Dorliska2006 (dramma semiserio in due atti di Cesare Sterbini) regia Mario Martone direttore Victor Pabli Pérez orchestra Haydn di Trento e Bolzano Coro da Camera di Praga direttore Lubomir Matl scene Sergio Tramonti costumi Ursula Patzak progetto luci Cesare Accetta cast: Michele Pertusi, Dorina Takova, Francesco Meli, Bruno Praticò, Jeannette Fischer, Simone Alberghini (Wikipedia/Torvaldo e Dorliska)
  5. 'Fermo andante - 5 interpretazioni di falso movimento' 2007 (alla fine del video i link  alle altre 4 parti) - Video realizzato da Giorgio Cappozzo per la mostra "Falso Movimento" al Castello Colonna di Genazzano - a cura di Claudio Libero Pisano. Interviste a: Lucia Ronchetti, Anna Bonaiuto, Mario Martone, Marco Delogu, Achille Bonito Oliva
  6. 'Antonio Neiwiller - Frammento2008 (sonoro - alla fine del video i link alle altre 2 parti) - Antonio Neiwiller era un grande artista di teatro. Il suo è stato un percorso complesso e profondo, in cui il teatro dialogava con le altre arti, e che ha costituito un esemplare paradigma di rigore artistico e esistenziale. Registrazioni di spettacoli, sbobinature di interviste e di incontri pubblici, trasmissioni radiofoniche: da questi materiali spesso precari, riportati in luce da Mario Martone nel ciclo radiofonico 'Il terzo orecchio' sono proposti preziosi documenti per chi voglia accostarsi all'esperienza di Neiwiller.

Informazioni da Archivio LePera




Anna MAZZINI - MINA  Cantante  [Profilo] [Sito Mina Mazzini]
DUETTO STORICO MINA/BATTISTI   Rif. www.youtube.com/watch?v=1Yu9FA0rbyE
Altri video
  • 'Tintarella di luna' 1959 Tintarella di luna, pubblicato nel gennaio 1960, è il primo album della cantante. (Wikipedia/Tintarella di luna)
  • 'Le mille bolle blu' Sanremo 1961 Storica esibizione di Mina al Festival di Sanremo 1961 con la celeberrima "Le mille bolle blu". Tutti la danno per vincente, la adulano, la rincorrono, ma Mina è provata dalle critiche e dall'invadenza mediatica. Inoltre dal suo esordio, due anni prima, non ha avuto un attimo di respiro. È stanca e stressata, ma il 26 gennaio si esibisce con "Io amo tu ami" in doppia esecuzione con Nelly Fioramonti. Incline a tonsilliti, il 27 gennaio, con una infiammazione alla gola, presenta "Le mille bolle blu", in doppia esecuzione con Jenny Luna. La canzone è troppo moderna e in più il suo gesto, con le dita fatte scivolare sulla bocca ad ogni ritornello, a molti spettatori sembra uno sberleffo; i benpensanti non sono disposti a chiudere un occhio e ancora una volta le scatenano contro una campagna stampa negativa. L'atmosfera si surriscalda quando i giornalisti raccolgono il malcontento e contrappongono a Mina quella che diventerà poi, per qualche tempo, la sua virtuale rivale: Milva. Il 28 gennaio 1961 è finalista con entrambe le canzoni. Si classifica al quarto posto con "Io amo tu ami" e al quinto con "Le mille bolle blu". Per Mina è emotivamente la goccia che fa traboccare il vaso, pieno di piccole amarezze e ingiustizie. La cantante viene colta da crisi di pianto e afferma di non volere più partecipare a gare canore, Festival di Sanremo compreso. Una promessa fatta a se stessa e sempre mantenuta. Per questa ragazza genuina e spontanea, che ha cominciato a cantare per gioco e ha portato avanti la sua carriera come una festa, è una doccia fredda che la cambierà profondamente. Malgrado l'esperienza sanremese, comunque la sua popolarità non viene minimamente intaccata e "Le mille bolle blu" riscuote uno straordinario successo di vendite, ma soprattutto di ascolti (in quegli anni la misura del successo di un brano era data anche in base alla richiesta dello stesso nei juke-box).
  • L'uomo per me' con Toto 1964  Testo: É l'uomo per me, fatto apposta per me, è forte con me e da uomo sa dir, parole d'amor... Ma ciò che amo in lui, è il ragazzo che, nasconde in sé... É l'uomo per me, è sicuro di sé, da uomo so già, i progetti che ha, i sogni che fa... Ma ciò che amo in lui, è il ragazzo che, nasconde in sé... Mai nessuno saprà separarlo da me, ogni giorno saprò, con lui restar... É l'uomo per me, sicuro di sé, è forte con me e come un uomo sa dir, parole d'amor... Ma ciò che amo in lui, è il ragazzo che, nasconde in sé... (É l'uomo per te) Ma è un ragazzo ancor per me...(É l'uomo per te) Per questo trovo in lui l'amor.... (É l'uomo per te) Ma è un ragazzo ancor per me...
  • Mina e Alberto Sordi a 'Studio Uno1966 (alla fine del video il link alla 2° parte)
  • Mina in 'Brava' 1966  Testo: Brava! Brava! Sono tanto brava! Brava!  Sono tanto brava, sono brava sono tanto brava faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì forse...forse qualche nota non è proprio giusta...giusta però io sono certa che così nessuno sa cantar sono come un uccellin senti il trillo... senti il trillo. State un pò a sentir queste note così basse che so fare poi vado su, vado su, vado su. Brava! Brava! Come sono brava! Brava! Certo se qualcuno vuole proprio...proprio pignolare forse qualcosa non so fare ma sicuramente sì non può essere che una cosa che non ha nessun valore se vogliamo ricordare che come me nessuno sa cantare sono come un uccellin senti il trillo...senti il trillo e vi ricordate quelle note così basse che so fare. Poi vado su...vado su...vado su su...su...come due note che volano nel cielo E tutti sanno che ho tanto di quel fiato che neppure una balena può resistere sott'acqua stando senza respirare tutto il tempo che io tengo questo "mi". Brava! Brava! Come sono brava! Brava! Sono tanto brava, sono brava sono tanto brava faccio quasi tutto con la voce, sembro un usignolo sì però mi sentirei un poco...poco più tranquilla se potessi questa sera farmi dire che son brava sì ma che a dirlo siate voi voi voi voi voi voi voi voi voi voi che lo sentite questo povero mio cuore che fa bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum bum! Brava! Brava! Brava! Brava! Brava!
  • Mina e Giorgio Gaber 1968/69 - Introduzioni da Senza Rete  Mina e Giorgio Gaber scherzano sul fatto che Mina non voglia parlare durante i suoi interventi televisivi
  • Mina ospite allo spettacolo 'E noi qui' con Giorgio Gaber 1970  Mina e Giorgio, conducono un quiz musicale, dove si scambiano alcune delle loro canzoni: "Torpedo blu", "Non credere", "Sacumdì sacumdà", "La canzone di Marinella", "Barbera e champagne", "Le strade di notte", "Quand'ero piccola", "Il cielo in una stanza", "Le nostre serate", "Goganga". Dopo il quiz, la grande artista, presenta il suo grande successo "Insieme". Nello stesso periodo Mina e Giorgio Gaber, proseguono la loro trionfale tournèe teatrale iniziata il 16 Gennaio del 1970 e che si ripeterà anche l'anno successivo.
  • 'Amor mio' 1971 Mina presenta il suo grande successo in videoclip nell'unica concessione alla tv di quell'anno.
  • 'Parole parole' 1972con Alberto Lupo  Parole Parole è una canzone del 1972, incisa nell’album Cinquemilaquarantatré di Mina e da questa cantata in duetto con Alberto Lupo. Il pezzo venne scritto per il varietà televisivo Teatro 10 (il testo dagli autori Leo Chiosso e Giancarlo Del Re, mentre la musica da Gianni Ferrio, direttore dell’orchestra Teatro 10), ma si è poi guadagnato fama mondiale ed è stato tradotto in tantissime lingue tra cui francese (duettata da Alain Delon dapprima con Dalida ed in seguito anche con Céline Dion), spagnolo, turco, giapponese, olandese.
  • 'Grande, grande, grande' 1972  La canzone fu uno dei più grandi successi nella carriera della cantante, ottenendo notorietà anche a livello internazionale, all'estero vennero infatti realizzate molte versioni del brano.
  • L'ultimo concerto dal vivo di Mina 24 luglio 1978 (sonoro) - I concerti a Bussoladomani in Versilia, avrebbero dovuto essere quindici: in realtà furono soltanto undici a causa di un'infezione polmonare che colpì la cantante prima della conclusione del tour. L'ultimo di questi concerti prevedeva la registrazione di un disco dal vivo. Quello quì proposto è l'audio ricavato da una prova audio che casualmente era stata predisposta proprio la sera dell'ultimo suo concerto in assoluto. In quest' occasione Mina rilascia anche quella che risulterà essere la sua ultima intervista fino a tutt'oggi. L'intervistatrice è Rita Madaro, dell'emittente privata Radio Taranto. Tale intervista è difficilmente reperibile poiché l'artista poche ore dopo averla rilasciata chiese come favore personale a Rita Madaro che non fosse trasmessa in radio, rispettando quel senso di riservatezza che, da quel momento, contraddistinguerà la cantante cremonese per tutto il suo futuro...
  • L'ultima apparizione in TV di Mina 1978 - Nel programma 'Mille e una luci'. Qui canta la canzone 'Ancora ancora ancora'
  • Mina nel suo studio di Lugano 2001  Il 30 marzo del  2001 sono state trasmesse on-line le immagini di Mina al lavoro nel suo studio di Lugano. Erano 23 anni che l'artista non si faceva vedere davanti alle telecamere, un evento quindi per tutti i suoi fans. Il filmato contiene 62 minuti di immagini relative alla registrazione delle otto canzoni interpretate da Mina: Pasqualino Marajà, Tres palabras, Tu sì na cosa grande, III Wind, Oggi sono io, The nearness of you, Esperame en el cielo e Come hai fatto. Tutte le canzoni, tranne l'ultima, sono in questa versione inedite su disco. Il DVD contiene inoltre quasi un'ora e mezza di filmato supplementare, un documentario per appassionati e musicisti. Fra gli extra del DVD le prove della canzone Oggi sono io, la sezione intitolata "...e altro" (un poutpourri di dettagli, curiosità, fuoriscena, dietro le quinte e piccole gag), la sezione contenente 100 "fotografie" (si tratta di stop-frame tratti dal video e scelti personalmente da Mina) e anche i cinque spot di 90 secondi che sono stati trasmessi dalla Rai nei giorni precedenti il 30 marzo
  • 'Che t`aggia di2008(animazione) L’unica possibilità di vedere il Molleggiato in versione cartoon è stato per il video della canzone “Che t’aggia dì” in coppia con Mina, dove i due erano rappresentati da dolci paperi innamorati. 
  • Incontro virtuale tra Mina e Big Luciano sulle note di 'E lucevan le stelle'




Norman McLAREN  Regista Cinema d'Animazione  [Profilo] [Sito NFB]

'Narcissus'  1983  (alla fine del video il link alla 2° parte)  Rif.http://www.youtube.com/watch?v=P7DlCdcH4Cc
Altri video
  1. 'Love on the Wing' 1938
  2. 'Spook Sport' 1940
  3. 'Begone Dull Care' (Capriccio a colori) 1949 - film by Norman McLaren and Evelyn Lambart, with music from Oscar Peterson Trio. Produced for The National Film Board of Canada.
  4. 'The Neighbours' 1952musicata da Miles Davis 'Pitecantropo' nel 2010  Norman Maclaren realizza questo short movie con una tecnica molto complicata. In alcune scene gli attori rimangono in posa per 24 scatti al secondo. Il film vinse molti premi, tra cui l’oscar come miglior cortometraggio documetario. La trama della storia e cinica e pessimista, ma viene sviluppata con agio e freschezza, con toni ironici e sottili, si sorride con una leggera amarezza.
  5. 'Rythmetic' 1956 - by Norman McLaren and Evelyn Lambart for Canada's National Film Board. McLaren, a Scottish-born Canadian
  6. 'A Chairy Tale' (La fiaba di una sedia) 1957 - music by Ravi Shankar (Sitar) and Chantur Lal (Tabla)
  7. 'Opening Speech' (Discorso di apertura) 1960 Interpretato dallo stesso McLaren che cerca di impadronirsi di un microfono recalcitrante.
  8. 'Canon' 1964
  9. 'Pas de Deux' 1968  Una traccia di luce appiattita, che come germoglia, assume la posizione fetale, e si libra nel nero assoluto al ritmo incantatore, e comincia la danza, in una sorpresa continua dei movimenti che giocano con i propri echi e riflessi... Ma quando poi entra l'altra figura, ecco la prima sagoma abbandonare alla riva invisibile quel contemplare se stessa, unirsi all'altro muovere; e si moltiplicano gli effetti, e si fanno più complesse l'evoluzioni; sono profili astrali, lampade sinuose abitate dal buio, quasi linee di fumo accese tra illusioni acquatiche, e infine i volti di due giovani che si contemplano e sfumano. Un cortometraggio ipnotico di Norman Mclaren, forse il più suggestivo tra i suoi esperimenti d'interazione tra linee in movimento e musica.
  10. 'Synchrom' 1971  Animation by Norman McLaren created by using an optical film printer
  11. 'Negatives' 2006  Negativi è un breve documentario animato diretto da francese regista canadese Marie-Josée Saint-Pierre. Il film è uno studio del animatore canadese Norman McLaren, e la sua visione personale di fare cinema. Il cortometraggio ha vinto diversi premi, tra cui il Jutra Award 2007 per il miglior cortometraggio d'animazione.

 

Vsevolod Emilevich MEJERCHOL'D  Attore e produttore teatrale  [Profilo]

'ALL ABOUT MAJERCHOL'D(russo)  Rif. www.youtube.com/watch?v=AK40UJIiHbc

Altri video

 


Mariangela MELATO  Attrice  [Profilo] [Sito ufficiale Mariangela Melato]

'Orlando FuriosoRif.http://www.youtube.com/watch?v=7K1f21nc8uk

Altri video
  1. 'Mimi Metallurgico ferito nell'onore' 1971 - regia di Lina Wertmuller interpreti: Giancarlo Giannini, Mariangela Melato, Turi Ferro, Agostina Belli, Luigi Diberti, Elena Fiore, Tuccio Musumeci, Ignazio Pappalardo (film) - L'operaio siciliano Carmelo Mardocheo (Giancarlo Giannini) perde il posto di lavoro perché rifiuta di dare il voto ad un mafioso. È costretto ad emigrare a Torino lasciando a casa la giovanissima moglie Rosalia. A Torino si innamora della giovane sottoproletaria lombarda Fiore (Mariangela Melato) che gli dà un figlio. Tornato a Catania con Fiore e il bambino, scopre che la moglie (Agostina Belli) ha avuto un rapporto occasionale con un brigadiere sposato e con cinque figli, ed è rimasta incinta. Mimì, grazie all'esperienza avuta al Nord, si considera di vedute abbastanza aperte per non uccidere l'uno e l'altra, ma non prende neppure in considerazione l'idea di non vendicarsi in qualche modo; quindi corteggia insistentemente la obesa e sgraziata moglie del rivale, Amalia (Elena Fiore), fino a trovare in lei un'alleata e a metterla incinta. Ottemperato l'impegno, mentre comunica la notizia al brigadiere davanti a mezzo paese, un sicario della mafia uccide il brigadiere e gli mette la pistola in mano. Scontata la pena in carcere, il giorno dell'uscita trova ad aspettarlo una vera folla di otto bambini, la moglie fedifraga, l'amante torinese e la vedova del brigadiere. Per poterli mantenere è costretto a fare da galoppino elettorale ad un boss della mafia. Ma Fiore, l'unica donna che per lui conti veramente, stufa di sopportare tutto, ne ha abbastanza e lo abbandona.
  2. 'Travolti da un insolito destino nell'azzurro del mare d'agosto' 1974 - regia, soggetto e sceneggiatura Lina Wertmuller fotografia Giulio Battiferri, Giuseppe Fornari, Stefano Ricciotti montaggio Franco Fraticelli musiche Piero Piccioni interpreti: Giancarlo Giannini, Mariangela Melato, Riccardo Salvino, Isa Danieli, Aldo Puglisi, Anna Melita, Eros Pagni (film) - Trama: Raffaella Pavone Lanzetti passa le sue vacanze su uno yacht in mezzo al mar Mediterraneo assieme ai suoi ricchi e viziati amici. Durante la crociera non fa altro che rimarcare il proprio elevato rango sociale e snobismo umiliando i suoi sottoposti, tra cui Gennarino Carunchio, rozzo marinaio siciliano, fervente comunista, che nutre sentimenti di insofferenza e disprezzo verso i ricchi turisti che deve servire suo malgrado. Gennarino si ritrova a dover soddisfare le richieste della "padrona", fino a che, per un guasto al motore di un gommone, i due si ritroveranno soli in mare aperto. Approdati su un'isola deserta, i ruoli si invertono, e la Lanzetti diventerà giocoforza schiava del marinaio, che sfoga su di lei antiche frustrazioni sessuali e sociali, facendo nascere una forte passione tra i due. Tornati infine alla civiltà, l'illusione che la passione e i sentimenti coltivati sull'isola possano durare anche dopo s'infrange sul muro delle divisioni e delle convenzioni sociali e di censo. Gli splendidi scenari del film sono scorci della Sardegna. Il film è stato girato lungo la Costa orientale sarda, nella provincia di Nuoro. La spiaggia dello sbarco dei due naufraghi è Cala Fuili, nel comune di Dorgali-Cala Gonone. La vicina Cala Luna sempre nel comune di Dorgali è stata set di un'altra buona parte delle riprese. Il rifugio di Carunchio e le scene più sensuali sono state girate nelle dune di Capo Comino, una splendida località del comune di Siniscola. Le dune sono veri e propri monumenti di sabbia, da dove i due protagonisti si rotolano in diverse occasioni. Nonostante nel film sembra che i naufraghi percorrano un'unica spiaggia, in realtà questi lidi sono distanti tra di loro parecchi chilometri. La scena finale della partenza dell'elicottero è invece ambientata nel porto di Arbatax, in Ogliastra.
  3. 'Todo modo' 1976 - sceneggiatura Elio Petri, Berto Pelosso soggetto Leonardo Sciascia (omonimo romanzo) regia di Elio Petri fotografia Luigi Kuveiller montaggio Ruggero Mastroianni musiche Ennio Morricone scenografia Dante Ferretti costumi Franco Carretti interpreti: Gian Maria Volonté, Marcello Mastroianni, Mariangela Melato, Renato Salvatori, Ciccio Ingrassia, Michel Piccoli, Franco Citti, Tino Scotti, Guerrino Crivello (film) - Questo film, liberamente ispirato all'omonimo romanzo di Leonardo Sciascia, è l'ultimo del connubio cinematografico, ma anche politico e ideologico, del regista Elio Petri e l'attore Gian Maria Volontè, sodalizio che contribuì alla fortuna del cinema politico italiano degli anni settanta. La vicenda ha luogo in un albergo-eremo-prigione, nel quale capi politici, grandi industriali, banchieri e dirigenti d'azienda, tutti appartenenti alle varie correnti democristiane, si ritrovano per gli annuali ritiri spirituali di tre giorni per espiare i reati di corruzione e altro che essi erano soliti praticare. Questa volta la riunione avviene in concomitanza con un'epidemia che miete numerose vittime in Italia. All'interno di questo luogo, chiamato "Zafer", in realtà dovrebbe avvenire una sorta di rinnovamento del partito, della propria struttura, dei propri vertici, dei propri interessi (storicamente, quando il film uscì, era il periodo in cui si iniziò a parlare di compromesso storico tra Dc e PCI) al fine di mantenere il potere nel Paese. Tra litigi continui e violenti, accuse reciproche e poca pratica spirituale, si sviluppa una serie di apparentemente immotivati delitti, che eliminano, uno alla volta, i personaggi di primo piano del partito.Tra i tantissimi personaggi, vi è il Presidente, interpretato da Gian Maria Volontè, nei panni del capo politico conciliante, bonario, che mira ad accontentare tutti, ma segretamente animato da un'infinita sete di potere e di dominio.

 
Gianni MINA'   Attrice  [Una vita a cronista - Il sito di Gianni Minà]

da 'Blitz' 1982/83 ospiti Massimo Troisi e Roberto Benigni Rif. http://www.youtube.com/watch?v=dUgg9WkYgWE

Altri video
  1. 'Maradona - Una vita da goal' 1978 - Gianni Minà intervista il Pibe de Oro a pochi mesi dal mondiale del Messico  (documentario/intervista)
  2. da 'Blitz - Brasil' 1982/83 (replica del 2013) - dalla mitica trasmissione "Blitz" di Gianni Minà. La storia e i successi della musica brasiliana, raccontata in due puntate con il contributo di Toquinho e il suo gruppo e di Baden Powel, Sergio Bardotti, Ornella Vanoni, Sergio Endrigo, Bruno Lauzi e, in collegamento da Parigi, Antonio Carlos Jobim, Joao Gilberto e Chico Buarque de Hollanda (alla fine del video il link alla seconda parte)
  3. da 'Blitz - Il fascino della poesia' 1982/83 (replica el 2013) - Ospiti di Gianni Minà: Gregory Corso, Fabrizio De Andrè, Mauro Pagani, Gino Paoli, Michele Placido e Mercedes Sosa 
  4. 'Che Guevara 30 anni dopo' 1997 - documentario di Gianni Minà
  5. 'Intervista al Subcomandante Marcos' 2004 - di Gianni Minà in collaborazione con Manuel Vazquez Montalban.- Planet TV (documentario) 
  6. 'Maradona: Non sarò mai un uomo comune' 2007 - Interviste di Gianni Minà  (documentario/intervista - alla fine del video i link alle altre 5 parti
 

Rena MIRECKA  Attrice  [grotowski.net]

'Laboratorio di Rena Mirecka' 2003 Rif. http://www.youtube.com/watch?v=_FcTCzP11Ro

Altri video

 

Yukio MISHIMA  Drammaturgo/Attore  [Profilo]
     YUKIO MISHIMA  intervista sul Hara-Kiri  (Inglese)  Rif. www.youtube.com/watch?v=DPAZQ6mhRcU
Altri video

 



Ariane MNOUCHKINE  Regista   [Profilo] [Sito Theatre du Soleil]
'METTEUR EN SCENE'  Rif. www.youtube.com/watch?v=2Je0X36EREE
Altri video




Meredith MONK Compositrice/Coreografa/Danzatrice  [Profilo] [Sito Monk]
'WORKS/PERFORMANCEDirected by Peter Greenaway (alla fine del video i link per le altre 7 parti) 
Rif. wwwyoutube.com/watch?v=f_Xj3ID-ybw
Altri video



Thelonious MONK Pianista/Compositore  [Profilo] [Thelonious Monk Institute of Jazz]

'Concert Live 1966' RIF: http://www.youtube.com/watch?v=FUjYWLPGBdc

Altri video
  • IN COSTRUZIONE

 


Marilyn MONROE  Attrice  [Profilo] [Movies - Marilyn Monroe Altervista]


'The legend of Marilyn Monroe' 1964  (documentario - inglese con sottotitoli italiano - alla fine del video il link alle altre 3 parti) Rif. http://www.youtube.com/watch?v=WIkZW51SL8o

Altri video
  1. 'Ladies Of The Chorus' 1948 - directed Phil Karlson cast: Marilyn Monroe, Adele Jargens, Rand Brooks, Nana Bryant, Eddie Garr, Steven Geray and he Bobby True Trio (film - inglese)
  2. 'Il Principe e la Ballerina' 1957 - regia Laurence Olivier soggetto Terence Rattigan sceneggiatura Terence Rattigan produttore Milton H. Greene fotografia Jack Cardiff montaggio Jack Harris effetti speciali Charles Staffell, Bill Warrington musiche Richard Addinsell scenografia Roger K. Furse costumi Beatrice Dawson interpreti: Marilyn Monroe, Laurence Olivier, Sybil Thorndike, Jeremy Spencer, Richard Wattis, Paul Hardwick doppiatori italiani: Rosetta Calavetta: Marilyn Monroe - Mario Pisu: Laurence Olivier - Lola Braccini: Sybil Thorndike - Massimo Turci: Jeremy Spencer - Stefano Sibaldi: Richard Wattis (film)
  3. 'A qualcuno piace caldo' 1959 - regia Billy Wilder soggetto Michael Logan, Robert Thoeren sceneggiatura I. A. L. Diamond, Billy Wilder produttore Ashton Productions / Mirisch Company fotografia Charles Lang montaggio Arthur P. Schmidt musiche Adolph Deutsch, A.H. Gibbs, Matty Malneck, Gerardo Matos Rodríguez, Herbert Stothart interpreti: Marilyn Monroe, Jack Lemmon, Tony Curtis, George Raft, Pat O'Brien, Joan Shawlee, Billy Gray, George E. Stone, Dave Barry, Mike Mazurki, Edward G. Robinson Jr, Joe E. Brown, Nehemiah Persoff doppiatori italiani Rosetta Calavetta: Marilyn Monroe -  Giuseppe Rinaldi: Jack Lemmon - Pino Locchi: Tony Curtis - Gualtiero De Angelis: George Raft -  Giorgio Capecchi: Pat O'Brien - Lydia Simoneschi: Joan Shawlee - Manlio Busoni: Dave Barry - Carlo Romano: Joe E. Brown - Bruno Persa: Billy Gray - Mario Pisu: Nehemiah Persoff - Cesare Polacco: George E. Stone - Luigi Pavese: Mike Mazurki - Massimo Turci: Edward G. Robinson (film)  
  4. 'Marilyn Monroe - Georges Belmont interview' 1960 (documentario - inglese - alla fine del video il link alle altre 5 parti) - Marilyn did this interview while she was making Lets Make Love. Lots of marilyn footage.
  5. 'Something's got to give' 1962 - regia George Cukor Marilyn Monroe, Dean Martin, Cyd Charisse (cortometraggio - inglese) - Film sospeso e mai finito per la morte dell'attrice.
  6. 'The Legend of Marilyn Monroe' 1964 - narrated by John Huston (documentario - inglese con sottotitoli italiano - alla fine del video i link alle altre 3 parti)
  7. 'The Legend of Marilyn Monroe' 1966  (documentario - inglese)
  8. 'Marilyn Monroe - The Untold Story' 1980 - directed John Flynn and Jack Arnold (television movie - inglese - alla fine del video il link alle altre 8 parti)
  9. 'The Last Interview' 1992 (documentario - inglese - alla fine del video i link alla seconda parte) - Documentary with rare Marilyn footage and audio clips of marilyn's last interview july 1962.
  10. 'Marilyn on Marilyn Documentary' 2001 - production BBC (documentario - inglese)
  11. 'The Final Days' 2001 (documentario - inglese con sottotitoli italiano - alla fine del video i link alle altre 5 parti)
  12. 'Rivals: Jackie Kennedy Vs Marilyn Monroe' 2008 (documentario - inglese - alla fine del video i link alla seconda parte)
  13. 'Marilyn Monroe - Time and again' 2012  (documentario - inglese - alla fine del video il link alle altre 4 parti)
  14. 'Derniers tourments' 2011  (documentario - francese/inglese)
  15. '50 ans de mystère' 2012 (documentario - francese)




Mario MUROLO  Cantautore napoletano   [Profilo]
 'A tazza è CafèRif. www.youtube.com/watch?v=lJbTw1HjjnY
Altri video



Home Page

__________

La Redazione effettua periodicamente il controllo del sistema, dei contenuti presenti nelle pagine e negli allegati nonché l'effettiva funzionalità dei link proposti. Chiediamo comunque ai nostri lettori di segnalare gentilmente all'indirizzo bastiancich@gmail.com eventuale cattivo funzionamento, in particolare nelle sezioni Divini e Maestri e Almanacco del Teatro. GRAZIE.




Nessun commento:

Posta un commento